venerdì 19 aprile 2013

C’è ancora troppo sale nei piatti degli italiani

La media nazionale è circa il doppio della quantità consigliata
 
Paolo Russo
Roma
I dati diffusi ieri dal Ministero della salute sono allarmanti: mentre l’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda di tenersi al di sotto della soglia dei 5 grammi al giorno, gli uomini italiani ne consumano 12, le donne 9. E al Sud è anche peggio. Persino gli ipertesi vanno giù con la saliera: il loro consumo è appena inferiore di un grammo alla media di chi non ha problemi con la pressione. I pediatri lo hanno ribadito: meglio abituarsi sin da piccoli ad un’alimentazione poco salata per non avere guai con la salute da grandi. Ma già a 9 anni i nostri bambini ingeriscono la bellezza di otto grammi al giorno... 

Continua qui

giovedì 18 aprile 2013

Il vero e il falso di frutta e verdura

Gli italiani sono grandi appassionati di frutta e verdura: quasi uno su tre li compra fino a 6 volte a settimana, con una media di consumo che ci attesta sopra la media europea. Consumare almeno 400 grammi al giorno in più porzioni di prodotti ortofrutticoli è una raccomandazione del Consiglio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per una sana ed equilibrata alimentazione. Eppure, sulla frutta e sulla verdura sono ancora in circolazione molti falsi miti, vere e proprie "bufale", sulle quali è opportuno fare il punto. 

Continua qui

mercoledì 10 aprile 2013

I benefici del The Verde

Il The Verde (nome scientifico Camelia Sinensis) è una varietà cinese di Long Jing, ricco di elementi benefici per la salute, come i polifenoli e le catechine, che sono sostanze che aiutano con un effetto drenante e antiossidante.
Il The verde inizia ad essere utilizzato 3.000 anni fa in Cina per i suoi notevoli benefici sulla salute. Già nell’antichità i cinesi sapevano che il The verde aveva il potere di guarire il mal di testa, e li aiutava ad eliminare le tossine e a preservare la giovinezza. Ma per anni nessuna altra cultura aveva dato importanza a questo infuso, ed è solo da un paio di anni che numerose ricerche scientifiche ci hanno dimostrato i suoi numerosi benefici. Oggi la pianta del the verde si coltiva in tutti i paesi con clima tropicale, ed è conosciuta a livello mondiale.

Continua qui

giovedì 28 marzo 2013

Il maltolo fa "suicidare" il cancro

Il maltolo può avere una funzione antitumorale aiutando a costruire classi di molecole che spingono al "suicidio" le cellule malate. A individuare l'attività anticancro di questa sostanza naturale contenuta nel malto, nella cicoria, nel cocco e nel caffè, due team di ricerca dell'Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo". La scoperta è stata pubblicata sul British Journal of Cancer e sul Journal of Organic Chemistry.Una sostanza innocua - Mirco Fanelli e Vieri Fusi, a capo dei gruppi di ricerca che hanno collaborato allo studio, hanno spiegato che il maltolo è una molecola innocua, utilizzata a volte come additivo alimentare per il suo aroma e le sue proprietà antiossidanti, ma se opportunamente modificata può dare origine a nuove molecole con interessanti proprietà biologiche.

Continua qui 

Pompelmo triplica effetti dei farmaci anticancro

mercoledì 27 marzo 2013

Allergie, naso che gocciola e starnuti la stagione dei pollini si allunga

Il 15 per cento della popolazione ha reazioni anomale ad alimenti, acari o fiori.  L'esperto: "Bisogna sempre partire dai sintomi e non dalle analisi del sangue".  Il rischio delle cure fai da te.  di ELVIRA NASELLI

 


Naso che gocciola, starnuti, lacrimazione e occhi umidi, prurito, spesso tosse, rinite. Per qualche milione di italiani la primavera è una iattura perché con i pollini arrivano - per chi ne soffre - anche le allergie, reazioni anomale dell’organismo predisposto geneticamente ad alcune sostanze estranee. E il fatto che i mutamenti climatici stiano allungando - soprattutto nelle regioni meridionali - la stagionalità di alcune fioriture, non fa che peggiorare la situazione. Oggi in Italia il 15 per cento circa della popolazione soffre di qualche allergia, numeri in aumento tanto che si calcola che nel 2015 la metà dei cittadini europei soffrirà di qualche allergia, alimentare, alla pelle o, appunto, a sostanze che si inalano, dai pollini agli acari della polvere.

INTERATTIVO I meccanismi della pollinosi 

 

Continua qui

lunedì 25 marzo 2013

Stanchezza di primavera? C'è il rimedio argentino

Dalla terra del neo-papa, arriva il rimedio naturale per ritrovare l’energia quando se ne ha più bisogno, che sia stanchezza mentale che fisica
 
LM&SDP
L’Argentina pare riservare molte sorprese.
A pochi giorni dalla nomina di Papa Francesco I, e insieme alla primavera, una nuova salutare ventata di novità sta per arrivare nel nostro Paese.

E’ la naturale riserva di energia che giunge a noi con il Mate, una pianta originaria del Sudamerica, vera e propria icona della cultura argentina, e oggetto di leggendarie storie.
Una di queste racconta che un giorno le dee Yari e Araì scesero sulla terra. Mentre stavano giocando furono oggetto dell’aggressione da parte di un giaguaro; un indio cacciatore però le soccorse e le ospitò nella sua capanna. Le dee, per ringraziarlo, decisero di regalargli un’erba protettiva e si rivelarono: “Sono Yasi, la dea che abita nella luna, e vengo per premiare la vostra bontà. La pianta che vedete è la Yerba Mate, e da ora in poi costituirà per voi e per tutti gli uomini di questa regione il simbolo dell’amicizia. E vostra figlia vivrà in eterno, e mai perderà l’innocenza né la bontà che c’è nel suo cuore. Sarà la dama della yerba”.

Continua qui

sabato 23 marzo 2013

Italiani i più longevi in Europa: 81 anni. Gli inglesi: "Fumate e bevete, inspiegabile"

Ricerca su Lancet. Olio di oliva invece del burro e vino al posto degli alcolici. Ma facciamo ancora poco sport. Il professor Attilio Maseri, per anni cardiologo di fiducia della regina Elisabetta: "A Londra non si devono lamentare, hanno tagliato troppo sulla sanità"

di MICHELE BOCCI

ROMA - Italiani grandi fumatori, con un sistema sanitario spendaccione e anche colpiti dalla crisi economica. "Eppure vivono più a lungo di noi": gli inglesi non si spiegano come è possibile che nello scassato Belpaese l'aspettativa di vita sia di 81,5 anni, un anno e mezzo superiore alla loro. Del resto, il dato ci colloca al secondo posto nella classifica mondiale della longevità.

Continua qui

martedì 19 marzo 2013

Mandorle: Proprietà e Benefici

La mandorla è il seme commestibile del mandorlo, una pianta appartenente alla stessa famiglia del pesco, le rosacee: è alta circa dieci metri ed i suoi semi, le mandorle appunto, sono racchiusi in un guscio legnoso a sua volta contenuto in un nocciolo. Generalmente le mandorle vengono consumate secche durante tutto l'anno e si trovano fresche solamente in primavera. Fino all'inizio del secolo scorso Agrigento rappresentava il primo produttore al mondo di mandorle e nella sua provincia ne venivano coltivate più di 700 specie; purtroppo ad oggi le cose sono cambiate e sono drasticamente diminuite le zone di coltivazione e anche numerose varietà di mandorle sono andate scomparendo.

Le mandorle sono un alimento molto ricco di proteine, digeribile e molto energetico; nella sua composizione troviamo vitamine del gruppo B, vitamina E, grassi insaturi, magnesio, ferro, potassio, rame e fosforo. Nelle mandorle è presente anche una piccola quantità di laetrile, considerata una sostanza antitumorale. Il 55% per cento della mandorla è costituito da grassi, il 20% da zuccheri, e il restante 25% da proteine.  

Continua qui

sabato 16 marzo 2013

Il bugiardo che è in noi

Oscar Giannino che mente sulle lauree, gli elettori che mentono ai sondaggisti. Al di là delle valutazioni di ordine morale, mentire in molti casi viene considerato un comportamento socialmente utile, che assicura vantaggi e sottrae da responsabilità, controlli e critiche. Il guaio è quando la bugia diventa abitudine e ci travolge. Tu che tipo di bugiardo sei? Test della psicologa Brunella Gasperini

 

Continua qui

giovedì 7 marzo 2013

Scoperto il dolcificante a 0 calorie 300 volte più dolce dello zucchero

Il gruppo di ricerca dell'Università di Pisa è stato il primo ad introdurre in Italia lo studio della stevia negli anni '90. Realizzata in laboratorio una nuova formulazione che potrebbe essere utile per migliorare la dieta di persone obese, diabetici o affette da malattie cardio-vascolari di VALERIA PINI

 

PISA - Dalla stevia un dolcificante naturale a zero calorie sino a trecento volte più dolce dello zucchero. I ricercatori del Dipartimento di Scienze agrarie, Aalimentari e agro-ambientali dell'Università di Pisa, in collaborazione con il Laboratorio Utagri-Inn del Centro di Ricerche Enea della Casaccia, stanno studiando la messa a punto di un metodo di estrazione, purificazione e formulazione degli steviol glicosidi a partire da foglie di stevia rebaudiana bertoni. Si aprono così prospettive per migliorare la dieta di persone obese, diabetici o affette da malattie cardio-vascolari.  


Continua qui

mercoledì 27 febbraio 2013

È vero che la febbre “cuoce” i microbi?

No, ma aiuta l’organismo a combattere le infezioni, interferendo con la crescita di virus e batteri (il calore ne rallenta o ne blocca la replicazione) e rendendo più efficienti le difese immunitarie che attaccano e uccidono i microrganismi. La sua effettiva utilità però dipende anche da quanto è alta e dalle condizioni fisiche del malato.

[È vero che dopo la febbre i ragazzi crescono in altezza?]

Continua qui

lunedì 25 febbraio 2013

Funziona, sì o no? I segreti della sigaretta elettronica


Marta Strinati
Svapare è meglio che fumare. È con questa convinzione che migliaia di fumatori italiani si sono convertiti alla sigaretta elettronica con la speranza di chiudere con il tabacco. Resta da chiarire se l’alternativa elettronica sia davvero efficace per combattere il tabagismo, che ancora affligge quasi 11 milioni di italiani. Se sia priva di rischi per la salute. Inclusa quella dei non fumatori, che dopo avere vinto sull’invadenza del fumo passivo assistono perplessi alle nuvole di vapore che si alzano negli ambienti dove è rigorosamente vietato fumare.

(...)

Migliorata nel tempo

“Rispetto ai primi modelli la gradevolezza è aumentata del 300%. Il risultato è che se prima una persona su 20 continuava a usare la sigaretta elettronica in sostituzione di tutto o parte del tabacco, ora accade 10 volte su 20”, dice al settimanale dei consumatori l’asmologo Riccardo Polosa, che al Centro antifumo dell’Università di Catania continua a sfornare studi, su piccoli campioni, che provano gli effetti della sigaretta elettronica: l’ultimo su 14 pazienti schizofrenici, tabagisti cronici, ha contato due persone che hanno smesso di fumare e altre 7 che hanno dimezzato il numero delle “bionde”.

Continua qui

Pregi e difetti: le e-cig una per una

Il settimanale il Salvagente, nel numero in edicola e in vendita in versione pdf e sfogliabile nel nostro negozio on line, dedica un lungo speciale alle sigarette elettroniche dal titolo “C’è da fidarsi?” che riporta le prove condotte fino a oggi dagli scienziati e il parere di esperti e psicologi. Nel numero, il settimanale dei consumatori presenta anche la prova di 9 apparecchi svapatori (le sigarette elettroniche).


Le sigarette

Le dimensioni sono quelle di una “bionda”, e questo rende i dispositivi molto familiari al fumatore. Sebbene più pesanti di una vera sigaretta sono comodi da maneggiare. Un led sulla punta si illumina alla tirata e ricorda la brace della sigaretta.


Categoria
COFANETTO CLASSIC (2,4% di nicotina)

Prezzo 89,90 euro
Il kit contiene: 2  batterie, 10 filtri, caricatore, scatola-batteria.

Categoria
ONE (monouso)

Prezzo 11,80 euro
Il kit contiene:1  sigaretta usa e getta.

T-FUMO
SIGARETTA ELETTRONICA COFANETTO CLASSICO

Prezzo 49 euro
Il kit contiene: 2  sigarette, 10 filtri, caricatore, usb e presa per auto.

ECOFUMO
SIGARETTA ELETTRONICA

Prezzo 39,50 euro
Il kit contiene: 2  sigarette, 10 filtri, caricatore.


Continua qui

giovedì 21 febbraio 2013

Pomodori Bio: più vitamina C e più sostanze antiossidanti


I pomodori Bio sono più "stressati", ma più ricchi di sostanze benefiche e appetibili
Nei pomodori coltivati biologicamente si trovano maggiori quantità di vitamina C, licopene e zuccheri, rispetto a quelli coltivati con l’agricoltura tradizionale. Il merito? E’ dello stress
lm&sdp
I pomodori coltivati con metodi biologici pare siano più stressati di quelli coltivati con i metodi tradizionali, ossia da agricoltura intensiva e con il purtroppo sempre onnipresente utilizzo di pesticidi.
Ma lo stress, in questo caso pare sia benefico: infatti il pomodoro Bio risulta contenere più sostanze utili e benefiche come la vitamina C, il noto antiossidante Licopene e composti fenolici totali. Ma non solo, il pomodoro Bio contiene anche più sostanze zuccherine che, in teoria, lo rendono anche più appetibile.

Continua qui

lunedì 18 febbraio 2013

Rischio osteoartrite: occhio ai prodotti che usiamo tutti i giorni

Dai contenitori per alimenti, ai tessuti impermeabili e antimacchia, alle padelle antiaderenti i PFC o perfluorurati sono stati collegati all’insorgenza dell’artrosi, o osteoartrite, specie nelle donne. La diffusione del PFOA e il PFOS è un problema di sanità pubblica, oltre che ambientale, che interessa tutti.

I cosiddetti PFC, o perfluorurati, sono utilizzati in ben 200 processi industriali e sono i componenti di oggetti di uso comune come i prodotti per la pulizia della casa, per l’igiene personale, alcuni contenitori per alimenti, le padelle antiaderenti. E sono anche utilizzati nei pesticidi per l’agricoltura.

Continua qui

venerdì 15 febbraio 2013

Slovenia, medici clown per grandi e piccoli malati

Curare le malattie con un sorriso. È il motto dei 15 medici e infermieri clown che, in queste foto, intervengono per curare i ricoverati della clinica di Novo Mesto in Slovenia. Dal 2004 questo gruppo di giovani ha iniziato un tour nei diversi ospedali del paese, usando il sorriso per rendere più lieve il ricovero di bambini e anziani. Seguono il metodo inventato dal medico americano "Patch" Adams, convinti che uno stato d'animo "sollevato" aiuti i malati nella terapia. Così tre volte a settimana, regalano un po' di spensieratezza e allegria tra corsie e letti di ospedale

Le foto

mercoledì 13 febbraio 2013

Amore: esprimere i propri sentimenti migliora la salute

Innamorati, esprimete i vostri sentimenti se volete guadagnare in salute! E’ l’invito dell’esperto che ha scoperto come dichiarare e dimostrare il proprio affetto o amore promuove una migliore salute, sia fisica che mentale
Kory Floyd, professore alla Hugh Downs School of Human Communication presso l’Arizona State University (ASU), dopo aver tenuto una conferenza all’Università del Texas è stato oggetto di una richiesta insolita: un partecipante ha chiesto una “ricetta” per migliorare la salute attraverso la pratica del bacio, che era stata oggetto di discussione proprio durante la conferenza.
Floyd, aveva infatti presentato uno studio in cui si suggeriva come il baciarsi possa per esempio ridurre i livelli di colesterolo, ridurre lo stress e, per contro, aumentare l’intesa di coppia.

Continua qui 

Il Sole fa sbocciare l’amore

martedì 12 febbraio 2013

Che gelida manina… Perché le donne hanno mani e piedi freddi

Il normale processo di raffreddamento delle estremità come mani e piedi, messo in atto dall’organismo a protezione degli organi vitali, nelle donne pare estremizzato e, spesso, è motivo di presa in giro da parte degli uomini a causa di mani e piedi estremamente gelidi, anche quando non fa freddo

«Che gelida manina. Se la lasci riscaldar…», cantava Luciano Pavarotti ne La Bohème, di Giacomo Puccini. Una frase che ben si addice allo stato in cui, di solito, si trovano mani e piedi femminili.

Ma se il ridurre l’afflusso di sangue alle estremità per proteggere e tenere al caldo gli organi vitali interni – un processo naturale di difesa messo in atto dal corpo – è cosa normale, specie quando fa freddo, allora perché nelle donne pare che questa situazione sia la norma anche quando all’apparenza non ve n’è bisogno?
E’ quello che si sono domandati ora gli scienziati dell’Università di Portsmouth – e si domandano da tempo immemore tutti i mariti quando vanno a letto e incontrano i piedi della propria moglie.

Continua qui

giovedì 7 febbraio 2013

Dimagrire con lo sport, ma troppo fa male "Bastano 30 minuti due volte a settimana"

Il New York Times ha messo insieme studi recenti e tutti dimostrano che si perde peso più in fretta facendo ginnastica senza esagerare. Chi ne fa troppa mangia di più e 'brucia' solo durante l'esercizio. Il parere degli esperti dell'Istituto di Medicina dello Sport di Torino

di SARA FICOCELLI

Sul fitness e i suoi benefici viene ogni giorno scritto e detto di tutto: che allunga la vita, che rinforza il cervello, che migliora l'umore, che purifica il corpo dalle tossine. In un certo senso, è tutto vero. Lo è nella misura in cui gli esercizi vengano fatto con criterio, sotto la guida di un istruttore e dopo controlli medici che certifichino uno stato di buona salute. Lo è nella misura in cui non si esageri. Perché troppo sport, avverte la scienza, fa male, e questa realtà, vera come i suoi benefici, non viene divulgata altrettanto frequentemente, forse per non scoraggiare del tutto i pigri, già poco inclini a staccarsi da computer e auto e andare a correre.

Continua qui

lunedì 4 febbraio 2013

Influenza, si avvicina il picco. Più di 2 milioni di italiani colpiti

Più a rischio i bambini: impennata fra i piccoli da 0 a 4 anni. Gli esperti: "No a antibiotici o antivirali, a meno che ci sia un'altra infezione batterica o si debba affrontare una malattia cronica". I consigli dei medici di famiglia di VALERIA PINI

 

ROMA - Si avvicina il picco dell'influenza stagionale. Sono già oltre 2,1 milioni gli italiani che si sono messi a letto con febbre e dolori articolari e nell'ultima settimana la curva dell'incidenza si è impennata, con mezzo milione di nuovi casi. I dati sono registrati sul sito dell'Istituto Superiore di Sanità nell'ultimo bollettino settimanale InfluNet. A rischio soprattutto i bambini e per questo la Società italiana di infettivologia pediatrica (Sitip) ricorda quali sono le terapie da seguire. "No a antibiotici o antivirali, a meno che nel bambino sopraggiunga un'altra infezione batterica o si debba affrontare una malattia cronica". Per la Sitip in questo caso serve comunque una prescrizione pediatrica.  


Continua qui

venerdì 1 febbraio 2013

Malattie cardiache: -32% per chi mangia vegetariano

Un nuovo studio promuove la dieta vegetariana per la salute del cuore. Chi porta in tavola più frutta e verdura vede scendere del 32 per cento il rischio morire a seguito di una malattia cardiovascolare o essere ricoverati in ospedale
Un largo studio, che ha visto il coinvolgimento di 44.500 persone ha mostrato che i vegetariani hanno il 32% in meno probabilità di morire, o essere ricoverati in ospedale, a seguito di un attacco di cuore o malattia cardiovascolare.
I principali motivi di questo vantaggio si ritiene siano da rintracciare in differenze nei livelli di colesterolo, pressione arteriosa e peso corporeo, si legge sull’American Journal of Clinical Nutrition, la rivista scientifica su cui è stato pubblicato lo studio.

Se si tiene conto che, in media, in Italia muoiono oltre 240mila persone ogni anno a causa delle malattie cardiovascolari, ecco che la dieta assume un ruolo di primo piano come non mai.
Consumare alimenti vegetali, come si scopre sempre più – anche in questi giorni – può fare la differenza in molti ambiti della salute, e non solo nella prevenzione delle malattie.
I ricercatori dell’Università di Oxford, hanno infine confermato tutto ciò, analizzando e confrontando i dati relativi a 15.100 vegetariani e 29.400 onnivori (ossia che mangiavano anche carne e pesce). I partecipanti allo studio sono poi stati seguiti per 11 anni, dall’inizio dello studio.


Continua qui

Studiavano un gene e hanno scoperto l’elisir di giovinezza

L’enzima stimola la produzione di vitamina Q10 che protegge  le cellule dall’invecchiamento

Marco Accossato
TORINO 
Addio creme anti-età: l’elisir della giovinezza è nascosto dentro di noi. Ricercatori del Centro di Biotecnologie molecolari dell’Università di Torino hanno scoperto un nuovo enzima in grado di far produrre al nostro organismo la vitamina antiossidante (Q10) presente nei prodotti di bellezza contro l’invecchiamento.

Lo studio - finanziato anche con i fondi Telethon - è pubblicato oggi sulla prestigiosa rivista internazionale «Cell»: apre da subito nuove prospettive per un trattamento naturale dei danni cellulari creati dal cosiddetto stress ossidativo, e dà il via alla ricerca di farmaci in grado di proteggere le cellule dall’effetto dei radicali liberi che con i prodotti di scarto dell’ossigeno inducono l’invecchiamento cellulare attraverso il danneggiamento del Dna. Farmaci dal potere anche preventivo.

L’enzima è stato battezzato «Ubiad1» dai ricercatori: la sua forza da sfruttare è quella di stimolare la crescita dell’unica vitamina (Q10) prodotta naturalmente dall’organismo umano, nota da tempo agli scienziati proprio perché utilizzata come integratore nella cosmetica e nelle creme per il viso. 


Continua qui

giovedì 31 gennaio 2013

Cosa sono i probiotici e a cosa servono

Regolano la funzione intestinale, fanno bene alla pelle e sono utili persino in gravidanza. Ma ora più di uno studio dimostra che l'integrazione con probiotici può ridurre la durata delle infezioni respiratorie alte, come ad esempio il raffreddore. Ecco le informazioni su cosa sono i probiotici, come sceglierli, come e quando assumerli e quali benefici apportano secondo le ultime evidenze scientifiche

a cura di IRMA D'ARIA

Continua qui

lunedì 28 gennaio 2013

L’Amore ha la scadenza

Trattati interi e sudore della fronte per scrivere e parlare di questo sentimento vecchio come il mondo, eppure mai potremo dire di saper tutto sull’amore: la dimensione sentimentale (è ormai accertato) non è l’unica nè la più importante.

Il fattore di crescita nervoso, il famigerato NGF portato alla luce da Rita Levi Montalcini (per questa scoperta, va ricordato, la Montalcini ha vinto un Nobel 14 anni fa) si trova in quantità elevate nei soggetti innamorati: se ancora ci fosse qualche illuso, ora dovrà ricredersi.
Fa un pò di sensazione giusto il fatto che una scoperta simile sia nata proprio in Italia, il paese dell’Amore secondo il resto del mondo: nel  Journal of Psychoneuroendocrinology il Dott.Enzo Emanuele (Università di Pavia) ha pubblicato i risultati di uno studio che ha coinvolto 60 soggetti (uomini e donne) dai 18 ai 31 anni, accomunati da un fattore cruciale: erano innamorati da meno di 6 mesi e dichiaravano di passare almeno 4 ore al giorno a sospirare sulla foto del partner appena conquistato.
Ebbene, gli innamorati in questione hanno presentato livelli di NGF molto maggiori di quelli non innamorati o con relazioni di lungo corso (227 unità a 123, un punteggio spietato per le coppie più navigate).
Tutto questo sembra portare a delle conclusioni spicciole: la prima è che, ovviamente, più c’è innamoramento, più c’è NGF. La seconda è che, qualunque sia il livello di NGF, questo si abbassa inesorabilmente con il tempo.


Continua qui

venerdì 25 gennaio 2013

Il colore degli occhi rivela le nostre inclinazioni




Quante volte avrai sentito dire che gli occhi sono lo “specchio dell’anima”.

Ebbene, oggi numerosi studi hanno fornito prove più che convincenti sulla validità di questi detti popolari.
Una buona conoscenza della comunicazione non verbale (CNV), permette di identificare con precisione l’espressione che lo sguardo assume quando siamo arrabbiati, abbiamo paura o quando siamo tristi o felici.
Anche in ambito seduttivo, è risaputo che la dilatazione della pupilla, è indice inequivocabile di interesse e attrazione.
Ma oggi, diversi studi condotti in proposito, possono addirittura farci fare ipotesi molto attendibili sul carattere, il temperamento e le attitudini di una persona, basandoci sul colore degli occhi.

Continua qui

lunedì 21 gennaio 2013

Ricette golose contro la carenza di ferro

Combatti a tavola la carenza di ferro, con alcune ricette golose particolarmente ricche di questo prezioso minerale. Ricette ricche di ferro e saporite, per portare in tavola gusto e salute, contro l'anemia e altri disturbi

 

Il ferro è uno dei nutrienti fondamentali di una dieta, ma spesso capita di soffrire di carenze, soprattutto se si è donne. Una quantità troppo bassa di questo minerale si traduce in affaticamento, tachicardia, pallore, anemia, diminuzione del tono muscolare e abbassamento delle difese immunitarie. Per fortuna per compensare queste carenze basta puntare su una tavola ricca di alcuni alimenti, come quelli proposti nella tabella apposita di MyPersonalTrainer, fra cui troviamo, anche oltre al fegato, che non a tutti piace, anche farina di castagne, pinoli, menta, patè di fegato, vongole ed ostriche, manzo, cacao e cioccolato fondente, crusca, pepe, rosmarino, legumi e nocciole. Ingredienti perfetti per piatti deliziosi, che andrebbero sempre accompagnati ad alimenti contenti vitamina C, in grado di favorire l'assorbimento di ferro, e invece consumati lontano da cibi ricchi di calcio o di fibre, ma anche da alcuni medicinali. Ecco alcune ricette golose e capaci di apportare una buona quantità di ferro

 

Continua qui 

sabato 19 gennaio 2013

Il bagno (di casa) diventa turco e la spa può attendere

Ecco come creare negli appartamenti degli hammam e una sauna finlandese. Quanto costa. Non servono necessariamente grandi spazi, spiega il designer di IRMA D'ARIA

 

IN BAGNO, in soggiorno, nella sala hobby o in camera da letto: la sauna si può fare anche a casa. E così, senza doversi recare in un centro benessere, nel weekend o di sera dopo il lavoro, basta rientrare a casa e farsi coccolare dal rilassante calore di una sauna domestica. Per realizzarla, non servono necessariamente grandi spazi: basta un metro e venti centimetri di larghezza per poter avere una cabina in cui far entrare una piccola stufa elettrica che scalda delle pietre laviche che poi distribuiscono il vapore in maniera uniforme. "La comodità della classica sauna finlandese è che funziona con una semplice presa di corrente e non serve acqua" spiega Giovanna Talocci, designer che ha creato modelli di sauna e bagno turco per alcune delle più importanti aziende del settore.

 

Continua qui

venerdì 18 gennaio 2013

La Luteina: un antiossidante per proteggere gli occhi

La Luteina aiuta a combattere la Degenerazione Maculare Senile.

Gli studi confermano la funzione protettiva di questo carotenoide che si trova nella frutta e nella verdura.
Esiste in natura una sostanza antiossidante che protegge gli occhi da alcune importanti malattie. È la luteina, il carotenoide presente in molti vegetali, in particolare nelle verdure a foglia verde, come spinaci e cavoli. Nell’occhio umano la luteina si trova nella macula, la parte centrale della retina, responsabile della acuità visiva, la visione dei dettagli. Oltre a svolgere un’importante azione antiossidante, la sostanza forma i cosiddetti pigmenti maculari, una sorta di filtro che impedisce alle radiazioni nocive (la cosiddetta ‘luce blu’) di raggiungere e danneggiare il tessuto sensibile della retina.

Continua qui 

Luteina

giovedì 17 gennaio 2013

Tumori, tra recidive e metastasi ecco i farmaci che aiutano a vivere

La ricerca ha prodotto 9 nuovi medicinali che saranno in commercio anche in Italia entro il 2013, e altri 4 attesi nel 2014 a conclusione della sperimentazione.Non riescono a "spegnere" la proliferazione incontrollata delle cellule cancerose, ma permettono sopravvivenze anche di anni

di ARNALDO D'AMICO

BOSTON - Sono nove i farmaci nuovi contro vari tipi di cancro la cui autorizzazione in Italia è prevista per quest'anno, in genere già autorizzati negli Usa e in Europa. Altri quattro il prossimo anno, se le autorità regolatorie europee e poi italiane avranno completato l'esame della enorme mole di dati dei risultati. Nessuno guarisce dal cancro, come il mix di farmaci che eradica la leucemia promielocitica acuta, al momento unica cura farmacologica definitiva, messa a punto da Pier Paolo Pandolfi direttore del Beth Israel, uno dei quattro centri di ricerca oncologica della Harvard University di Boston.
 


Continua qui

lunedì 14 gennaio 2013

MUSCOLI O CERVELLO?


Una struttura fisica esile vuol dire problemi in vista e non che si è secchioni Cervello in forma ma struttura esile, magra, un po' emaciata? È il profilo tipico del secchione, anche se sono molte le persone con struttura corporea esile, muscoli poco sviluppati e magrezza che possono diventare un problema.
Se da una parte l'allenamento del cervello permette di esibire una mente in forma, non sempre l'allenamento con il sovraccarico di pesi sviluppa i muscoli. "Anche se le routine degli esercizi che si eseguono in palestra sono ben studiate, pesanti e ben eseguite – spiega Paola Signorelli, medico nutrizionista con una grande esperienza nel mondo del wellness – la spiegazione degli insuccessi è nella dieta, non nell'esercizio.".
Infatti se quello che mangiamo normalmente è sufficiente per mantenere peso e struttura muscolare, per sviluppare i muscoli, nel caso della persona magra ed esile, è necessario aumentare l'apporto di energia soprattutto in termini di carboidrati e proteine, mattoni fondamentali della costruzione muscolare.

Cosa mangiare? 

"Prima di tutto bisogna semplicemente mangiare di più scegliendo meglio gli alimenti – sottolinea l'esperta –. Tra i carboidrati è meglio aumentare l'assunzione di cereali preferibilmente a medio-basso indice glicemico (riso basmati, riso selvatico, riso integrale, pasta integrale, farro, miglio, orzo, kamut cioè grano integrale) ma anche patate dolci, pane preferibilmente integrale e frutta. Per quanto riguarda le proteine, invece, è meglio orientarsi verso gli albumi delle uova, le carni bianche come il petto di pollo, di tacchino, di fagiano e faraona, carni rosse magre come il filetto, il magatello, la noce, lo scamone o la sottofesa di manzo. Per quanto riguarda il pesce meglio mangiare branzino, merluzzo, nasello, palombo, pagello, persico, rana pescatrice, rombo, sogliola, trota, spada, salmone, tonno fresco; i derivati della soia come il tofu, formaggio di soia, ma anche yogurt magro di latte vaccino o di soia senza mai dimenticare una abbondante porzione di verdura ad ogni pasto condita con olio di oliva ed in minor percentuale con olio di semi spremuti a freddo.

Continua qui

domenica 13 gennaio 2013

Carboidrati e glicemia

I carboidrati rappresentano , per l’organismo, la fonte di energia privilegiata; solo in assoluta mancanza di essi ( esclusione con la dieta ) il corpo si rivolge all’utilizzazione delle proteine e dei grassi per ottenere energia. Persistendo tale situazione si formano dei prodotti intermedi , chiamati corpi chetonici e responsabili di una forte acidosi metabolica , condizione negativa che conduce a uno stress non trascurabile per il nostro corpo , specialmente a livello renale e respiratorio, dove maggiore è l’escrezione di tali sostanze (…a proposito di diete iperproteiche come la Dukan).
Dopo aver mangiato, l’aumento della glicemia provoca la secrezione dell’ormone insulina da parte del pancreas, che ha il compito di far stimolare le cellule a usare il glucosio. Quando la cellula non ha più bisogno di glucosio , soddisfatte le proprie necessità , l’eccesso viene stivato nel fegato e nei muscoli sotto forma di glicogeno e, quando anche queste riserve sono piene, l’ulteriore eccesso si trasforma in grasso e si accumula nel tessuto adiposo.
Il continuo eccesso di glucosio puo’ portare la cellula a essere più resistente all’azione dell’insulina, per cui quest’ultima accetta meno glucosio e la glicemia permane elevata.
Si instaura, così, una condizione patologica nella quale abbiamo un eccesso di glucosio nel sangue e, allo stesso tempo, un eccesso di insulina ( secreta nel tentativo di ridurre la iperglicemia ma non utilizzata a pieno dalla cellula ). Questa condizione è strettamente correlata con la facilitazione delle cellule cancerose a moltiplicarsi e svilupparsi maggiormente.
Consumando carboidrati derivati da cereali integrali si disinnesca il meccanismo insulinico perverso, di diminuire la glicemia e, soprattutto, di inibire la crescita delle cellule cancerose.

Continua qui

mercoledì 9 gennaio 2013

Iss boccia le sigarette elettroniche: "Efficacia e innocuità da dimostrare"

La relazione dell'Istituto superiore della sanità stronca l'alternativa alla bionda. "Chiarire sulla tossicità. Non verificata l'utilità del prodotto nell'aiutare i fumatori a smettere". Il ministro della salute Renato Balduzzi:"Alta attenzione su rischi"

 

ROMA - L'Istituto superiore di sanità boccia le sigarette elettroniche con nicotina. Brutte notizie dunque per i fumatori che pensavano di aver trovato un rimedio al vizio del fumo. Secondo gli esperti dell'Iss, l'efficacia di questo prodotto è infatti "ancora tutta da dimostrare". Ma non si ferma qui. L'Istituto vuole capire anche eventuali rischi per la salute dei consumatori. Questo, in sintesi, il contenuto della relazione dell'Iss, in risposta a un parere richiesto nei mesi scorsi dal ministro della Salute Renato Balduzzi, sulle sigarette elettroniche.

 

Continua qui

venerdì 4 gennaio 2013

Mantenere il cervello attivo per allontanare il rischio di demenza

Le capacità mentali, le funzioni cognitive e l’acutezza possono essere mantenute e aumentate semplicemente tenendo il cervello attivo, anche da anziani. In questo modo non solo si può essere più mentalmente pronti, ma anche prevenire eventuali problemi di demenza o declino cognitivo

Continua qui 

L’emicrania è femmina. E si controlla in modo dolce

mercoledì 2 gennaio 2013

Qualche chilo in più dopo le feste? Fa bene alla salute e si vive di più

Un largo studio revisionale afferma che qualche chilo in più non è deleterio per la salute ma, anzi, chi è moderatamente in sovrappeso ha meno probabilità di morire rispetto a chi ha un peso normale: è l’effetto del “paradosso obesità”
 
Dopo i pranzi delle feste sono in molti a dover fare i conti con qualche chilo in più.
E così, come ogni anno, a questi eventi si accompagnano le statistiche e i relativi consigli degli esperti per perdere il peso e il grasso accumulato.
Ma deve per forza essere così? Dobbiamo davvero perdere i “chili di troppo”?
Forse no. O, per lo meno, non in misura drastica. Perché, a quanto pare, avere qualche moderato chilo in più mette al riparo da una morte prematura, rispetto a coloro che sono considerati di peso normale.

Continua qui